Home News Gingerbread supera Froyo, arranca Honeycomb

Gingerbread supera Froyo, arranca Honeycomb

2

Nuovo mese nuovi dati pubblicati da Google inerenti la distribuzione di Android.

Tali cifre sono state raccolte analizzando gli accessi al market in un periodo totale di 14 giorni.

La prima cosa che salta all’occhio è il sorpasso di Gingerbread su Froyo, rispettivamente con percentuali del 44,4 % e del 40,7 %.

Tanti sono ancora gli smartphone con Eclair a bordo, ben  10,7 % del totale, mentre si stanno estinguendo i terminali con Donut e  Cupcake attestati al 1,4 % e allo 0,9 %.

Situazione triste per i tablet, i quali non si sono ancora ritagliati una fetta di mercato considerevole, visto che la loro percentuale si ferma al 1,9 %. Questa informazione è stata ricavata analizzando la diffusione del sistema operativo Honeycomb, quindi tutti i tablet con versioni di Android non dedicate (per esempio Galaxy 7 o Ideos S7) vengono conteggiati nell’insieme degli smartphone con Froyo o Gingerbread.

Sicuramente le carte in tavola verranno mischiate con l’arrivo di Ice Cream Sandwich, che vi ricordo fonde le due piattaforme smartphone e tablet in un unico sistema.

Di seguito gli schermi e i dati ufficiali.

Platform Codename API Level Distribution
Android 1.5 Cupcake 3 0.9%
Android 1.6 Donut 4 1.4%
Android 2.1 Eclair 7 10.7%
Android 2.2 Froyo 8 40.7%
Android 2.3 -
Android 2.3.2
Gingerbread 9 0.5%
Android 2.3.3 -
Android 2.3.7
10 43.9%
Android 3.0 Honeycomb 11 0.1%
Android 3.1 12 0.9%
Android 3.2 13 0.9%


Via

Per rimanere sempre aggiornato sul sistema operativo Android, puoi seguirci su Twitter, aggiungerci su Facebook o Google+ e leggere i nostri articoli via RSS.

  • http://www.nexus-lab.com Michel Cognon

    Test

  • russo

    E ti chredo che arranca honeycomb

    Non conviene sviluppare per questa piattaforma, perchè non ci sono molti tablet in giro (rispetto agli smarphone) e poi un’applicazione per smartphone gira anche su honeycomb

    Questo è quello che pensano in molti, io non lo condivido e credo che questo modo di fare “uccide” un sistema.
    Molto meglio ora che è uscito ICS che obbliga a scrivere codice anche per tablet.