Home Multimedia

Google in queste ore sta aggiornando anche la sua applicazione Android dedicata alla musica, con una funzione non del tutto inedita, ma che diventerà sicuramente tra le più apprezzate tra gli utenti.

Stiamo parlando delle stazioni radio, ovvero playlist automatiche generate a seconda dei nostri gusti musicali.

Mentre Spotify offre questo servizio associandolo anche solo ad un tipo di artista, il Google Play Music d’ora in avanti potrà offrirci delle stazioni radio che prendono spunto dalle nostre Playlist.

Cuffie beats Dr Dree Wireless in offerta su Amazon, clicca qui

Come detto una funzione molto interessante, che ci permette di scoprire musica senza dover per forza cercare ogni singolo brano.

Come al solito Big G sta distribuendo il proprio aggiornamento a scaglioni, per verificare l’eventuale presenza di bug, quindi potreste ricevere l’aggiornamento anche tra 1 – 2 giorni, quindi non preoccupatevi se per adesso la vostra app risulta essere aggiornata all’ultima versione, bisogna pazientare.

La versione specifica del Google Play Music è la v5.4.1413N che aggiunge unicamente questa novità.

Link Google Play store Downlaod

Dopo che qualche giorno fa vi abbiamo annunciato la totale gratuità di Spotify sul web, siamo lieti di comunicarvi che l’applicazione mobile della famosissima piattaforma di musica peer-to-peer ha ricevuto un nuovo aggiornamento introducendo come principale novità le date dei concerti nelle pagine Artista.

Si tratta di una novità piuttosto interessante che gli utenti utilizzatori del servizio apprezzeranno molto, perché permette sempre di rimanere aggiornati sulle date dei tour dei nostri cantanti preferiti.

Gli sviluppatori con quest’ultimo update hanno introdotto anche altre migliorie ed è stato risolto anche un problema relativo ai pixel ed un altro che ogni tanto causava qualche crash insolito.

Qui sotto trovate il changelog completo mentre in calce all’articolo come al solito è presente il link per effettuare il download dell’applicazione direttamente dal Play Store di Google:

  • Novità: non perderti mai un concerto! Le pagine Artista ora riportano i dettagli dei tour.
  • Migliorato: Spotify Connect dà il meglio di sé quando ascolti la radio.
  • Risolto: Abbiamo giocato con alcuni pixel e risolto dei crash.
  • Pura fantasia: questa app è stata creata usando parti di vecchi orologi.

 Download Spotify Play Store

Una delle feature di Android KtiKat rimasta forse un po’ più in disparte riguarda Youtube, che solamente con l’ultima versione del sistema operativo mobile di Google può offrire i sottotitoli nei suoi video.

Questa funzione, tramite un analisi del codice dell’APK di Youtube, è destinata presto a farsi strada anche per altre versioni di Android, probabilmente da Android Ice Cream Sandwich in avanti.

Tale funzioni inoltre non dovrebbe arrivare unicamente con l’opzione di visualizzare o meno i sottotitoli, ma dovrebbe prevedere anche diversi elementi di personalizzazione, come la grandezza del font, lo stile e l’ombreggiatura.

Naturalmente essendo poche righe di codice prensenti nell’APK di Youtube, non possiamo affermare con sicurezza che al prossimo rilascio di un update dell’app verrà attivata tale feature, anzi ci potrebbero volere diverse revisioni e quindi anche mesi.

L’ultima grande aggiunta che è stata fatta a Youtube, è stata quella di aggiungere di default la possibilità di guardare un video mentre si naviga l’interfaccia della stessa app, una sorta di PiP limitato.

Via

Poweramp è uno dei migliori, se non il miglior in assoluto tra i lettori musicali per Android presenti sul Play Store di Google.

L’app in questione ha ricevuto nelle scorse ore un nuovo aggiornamento con l’introduzione di nuove traduzioni ed update alle icone ed alla welcome screen, ma la cosa più interessante  è che la versione completa di questo splendido lettore musicale per Android è ora scontata e può essere acquistata alla modica cifra di 0,77 euro.

A questo prezzo non vi è concesso esitare nemmeno un attimo, dunque correte ad effettuare il download se ancora non lo avete fatto.

Qui sotto le principali caratteristiche di Poweramp, mentre in calce all’articolo il link con collegamento diretto al Play Store:

  • supporta mp3, mp4/m4a (incluso alac), ogg, wma*, flac, wav, ape, wv, tta, mpc, aiff (* alcuni file wma pro possono richiedere supporto NEON)
  • equalizzatore grafico ottimizzato a 10 bande per tutti i formati supportati e per tutte le configurazioni predefinite e programmabili dall’utente
  • potente regolazione separata dei toni bassi e alti 
  • espansione stereo, missaggio mono, bilanciamento
  • dissolvenza incrociata
  • riproduzione senza pause
  • replay gain
  • riproduce canzoni dalle cartelle e dalla propria libreria
  • coda dinamica
  • supporto per testi, compreso ricerca testi via plugin musiXmatch
  • supporto file .cue incorporato e autonomo
  • supporto per le playlist m3u, m3u8; pls, wpl
  • animazione delle copertine basata su OpenGL 
  • download delle immagini di copertina mancanti
  • 4 tipi di widget configurabili
  • blocco dello schermo configurabile con sblocco diretto opzionale
  • supporto per cuffie, ripristino automatico della riproduzione al collegamento di cuffie e/o accessori bluetooth (può essere disabilitato nelle impostazioni)
  • scrobbling
  • editor di tag
  • temi di visualizzazione, incluso supporto per interfacce sviluppate da terzi
  • scansione veloce della libreria
  • alto livello di personalizzazione tramite le impostazioni

POWERAMP FULL

Notizia che non arriva di certo inaspettata quella che vi stiamo per andare a proporre, ma che non era ancora stata ufficializzata.

Spotify infatti ora è diventato gratuito a tutti gli effetti anche su smartphone e tablet Android. Prima non era possibile ascoltare neanche brani in streaming sui dispositivi mobile con sistema operativo Google, ma ora non si sarà più obbligati a disporre di un account premium, ma anche quello gratuito sarà sufficiente per ascoltare diverse ore di musica.

Esistono dei limiti e delle differenze tra la fruizione di musica attraverso lo smartphone e il tablet.

Tramite il tablet si potrà godere della medesima esperienza che abbiamo attraverso l’ascolto su PC, quindi con un limite temporale piuttosto ingente mensile e con la trasmissione tra i brani di qualche spot pubblicitario.

Su smartphone invece le restrizioni aumentano, visto che non potremmo scegliere liberamente quali brani ascoltare, ma in base ad un genere musicale o ad un gruppo/cantante, spotify ci proporrà una sula selezione automatica. Potremmo anche attingere dalle nostre playlist caricate sul nostro account.

Il numero massimo di brani ascoltabili in un ora è 6, un numero abbastanza ristretto soprattutto per chi ascolta molta musica in mobilità.

Di seguito trovate il link per il download dal Google Play store:

 

E’ incredibile il successo che sta avendo Spotify, programma che ha rivoluzionato letteralmente il modo di ascoltare la musica, sia a casa che in mobilità.

Gli sviluppatori di Spotify però non si sono accontentanti di quanto hanno creato negli ultimi anni, ma stanno cercando di ampliare le possibilità e l’elasticità di quest’app, grazie anche al nuovo Spotify Connect.

Finalmente questa funzionalità è disponibile anche per Android e ci consente di poter godere in continuità della nostra musica tramite WiFi e condividere l’audio anche con un impianto audio casalingo.

Difficile forse spiegare cosa sia Spotify Connect, servizio esclusivo per gli utenti Premium, per questo il video presente in calce a quest’articolo vi potrà far capire meglio di mille parole.

Se volete sfruttare tale potenzialità, dovrete aggiornare l’app di Spotify sul Google Play Store:

Solo forse i nostri utenti più giovani non conoscono Winamp, quello che è stato negli ultimi 15 anni uno dei media player più utilizzati al Mondo.

Quest’applicazione però nel tempo non ha saputo rinnovarsi, ed infatti ci troviamo a commentare la chiusura definitiva di Winamp con la fine del supporto ufficiale.

Gli sviluppatori hanno cercato anche di arrivare su altri sistemi operativi come Android, ma la concorrenza e la mancanza di funzioni distintive hanno fatto presto decrescere l’interesse verso tale App.

Se proviamo ad aprire la pagina ufficiale di Winamp possiamo leggere l’avviso che dal 20 dicembre l’app non sarà più supportata e scaricabile.

Un vero peccato, anche se il mondo della tecnologia è in evoluzione costante e chi si ferma è perduto.

Noi comunque manterremo come ricordo l’app sul nostro smartphone per qualche tempo, e se voi volete fare lo stesso vi consigliamo di scaricare l’app attraverso il banner sottostante.

Voi quale media player utilizzate sul vostro smartphone o tablet Android?

 

Gli sviluppatori di SoundHound hanno finalmente aggiunto la ciliegina sulla torta alla loro celebre applicazione per la ricerca dei titoli dei brani musicali in ascolto, ed infatti è stato annunciato il supporto al cloud, funzione piuttosto utile per chi utilizza il servizio su più dispositivi.

A partire da ora, quando avvierete l’applicazione vi verrà richiesto di creare un account al fine di abilitare la sincronizzazione, la quale permetterà di avere sempre a portata di mano su qualunque dispositivo non solo Android, anche dopo la reinstallazione dell’app, la cronologia delle ricerche, i segnalibri, gli artisti e gli album preferiti.

Vi ricordiamo che l’applicazione è disponibile sia in versione gratuita con la presenza al suo interno di qualche banner pubblicitario, e sia in versione Pro a pagamento al prezzo di 4,99 euro.

SoundHound recentemente ha anche ricevuto un nuovo aggiornamento alla versione 5.4.4 con la risoluzione di alcuni bug che affliggevano la precedente release.

Via

Google ha investito molto nella sua piattaforma digitale dedicata alla musica, testimoniando come forse il futuro dell’ascolto di musica sia convergendo sempre di più verso l’acquisto di brani su store online e sull’ascolto di musica in streaming tramite abbonamenti.

A tale scopo Big G continua ad aggiornare e migliorare la propria applicazione legata ad Android, Google music, che ora ha ricevuto l’update alla versione 5.2.

Questo porta con sé poche novità ma tutte abbastanza importanti, come la possibilità di gestire lo stato del download dei brani con una specifica coda, per permetterci di impostare lo stato di pausa o di download.

Novità anche per Google Music All Access, il servizio per ascoltare musica in streaming, che ha aggiunto numerose sottocategorie ai generi musicali, in modo da consentire agli utenti una più facile consultazione della libreria digitale.

Come oramai accade da maggio, tale update potrebbe non esservi arrivato, dato che questo aggiornamento viene distribuito a scaglioni. Nel caso quindi che lo vogliate installare subito potete scaricare l’APK da questo link.

Shazam, l’ottima applicazione che ormai tutti conosciamo benissimo, la quale permette di venire a conoscenza del titolo della canzone che stiamo ascoltando insieme all’aggiunta di altre informazioni, ha ricevuto recentemente un importante aggiornamento.

L’app è infatti disponibile sul Play Store di Google in versione 4.0, ed in questa nuova release troviamo la presenza di una grafica rinnovata ed il supporto ai tablet con a bordo il sistema operativo mobile di Google:

Gli utilizzatori di tablet sono benvenuti: Shazam è adesso un’app universale, ottimizzata per tablet piccoli e grandi!

Nuovo look e sensazione: ora è più facile che mai scoprire, acquistare e condividere.
Se siete utilizzatori di Shazam non vi resta che recarvi sul Play Store di Google per procedere con l’installazione di questa nuova versione aggiornata.
Concludiamo l’articolo con il solito badge da cui potete effettuare il download dell’applicazione sia in versione gratuita che in versione a pagamento in questo caso al prezzo di 4,79 euro.

Dopo l’aggiornamento alla versione 5.4.1 rilasciato nei primi giorni del mese di Agosto, il quale ha introdotto come principale novità la “Mappa musicale” per aiutarci a scoprire la musica individuata dagli utenti nelle nostre vicinanze e non, SoundHound ha ricevuto nelle scorse ore un nuovo update siglato 5.4.2.

Purtroppo in quest’ultima release dell’applicazione non è stata introdotta nessuna novità in particolare, ed infatti sul changelog pubblicato sul Play Store di Google, troviamo soltanto che è stata migliorata la velocità e sono stati risolti alcuni problemi di bug non specificati.

Per aggiornare o per installare SoundHound sul vostro dispositivo Android, potete sfruttare i link presenti a fine articolo.

Vi ricordiamo che l’applicazione è disponibile sia in versione gratuita con la presenza al suo interno di qualche banner pubblicitario, e sia in versione Pro a pagamento al prezzo di 4,99 euro.

Era da tempo che si parlava di un prossimo aggiornamento dell’applciazione Youtube per Android, e finalmente ora sarà possibile scaricarla direttamente dal Play store.

Youtube 5 è un update piuttosto corposo che si caratterizza per una funzione non inedita ma integrata nell’app, che ci permette di visionare un video mentre navighiamo nel resto dell’applicazione.

Il video rimarrà ancorato in basso a destra del display, senza possibilità di poterlo continuare a visionare nell’utilizzo all’esterno di Youtube.

Sinceramente tale funzione rimane molto limitata da quest’ultimo aspetto, e ci sono altre applicazioni presenti sul Play store che consentono di vedere video, o qualsiasi altra app, in un altra finestra dinamica mentre si naviga nella UI di Android, come per esempio Stick It.

Oltre a questo segnaliamo anche un’interfaccia quasi completamente rinnovata, che riprende i nuovi canoni di stile di Google in merito ad Android.

Ci sono però ancora alcune features mancanti che sono richieste a gran voce dagli utenti, come la possibilità di utilizzare gli strumenti di editing avanzati direttamente dall’applicazione.

Di seguito il banner per il download:

Android è un sistema operativo eccezionale, e la quantità di applicazioni presenti sull’OS  mobile di Google ha raggiunto numeri impressionanti.

In proporzione però ci sono poche applicazioni che si distinguono e che si utilizzano nel tempo, e VidTrim Pro è una di queste.

Goseet è stato tra i primi a pubblicare un  video editor completo su Android, e dopo anni dal suo arrivo su questa piattaforma risulta essere ancora tra i migliori.

Benchè abbia ancora qualche limite a elaborare video di grandi dimensioni, oramai con VidTrim Pro è facile tagliare, editare ed inserire altri spezzoni di altri filmati all’interno di un video, direttamente dal nostro smartphone e tablet Android.

Ancora più conveniente poi se approfittiamo dell’offerta di queste ore che vede il programma in versione Pro offerto a 0.68 Euro sul Play store.

Caratteristiche di VidTrim Pro:
- Video Trimmer. Tagliare le clip video direttamente sul tuo dispositivo
- Effetti. Applicare effetti video cool come B / N, Nega, Pixellate, Posterizza, Glow, Tint0r, Rilevamento contorni, Luma, SwapUV.
- Transcode (ridimensionare e comprimere) video clip di dimensioni più piccole.
- Frame grabber. Estrarre / salvare i fotogrammi dai tuoi video come immagini.
- Salvare l’audio di file video come MP3.
- Condividi video clip. (Invia e-mail, caricare su YouTube, ecc)
- Riprodurre clip video
- Rinomina video clip
- Eliminazione di clip video

WatchON è un’applicazione realizzata da Samsung ed introdotta con l’attuale top di gamma Galaxy S4, la quale permette di visualizzare la TV su di esso, oppure controllare con lo smartphone lo stesso televisore, grazie alla presenza di un LED ad infrarossi che lo trasforma in un vero e proprio telecomando superintelligente con cui si potranno anche gestire gli elettrodomestici di casa.

Il colosso sudcoreano ha rilasciato un importante aggiornamento per la suddetta applicazione con l’introduzione di un nuovo tema più scuro.

Da adesso con l’ultima versione dell’applicazione si potranno anche guardare i trailer di alcuni film, ma non solo, infatti ora WatchON funziona meglio grazie ad un miglioramento delle prestazioni in generale ed alla risoluzione di alcuni problemi presenti sulla precedente versione.

Ecco il changelog completo contenente tutte le migliorie che sono state introdotte:

  • Updated to Dark Theme UI
  • Fixed non-loading grey screen issue
  • Fixed non-loading white screen issue
  • Fixed a few crashes on control pads
  • Improvements in widgets
  • Improvements in volume controller settings
  • Trailer preview for certain movies
  • Improvements on overall performance

Per aggiornare potete utilizzare il badge presente qui sotto!

Il client ufficiale per Android di Spotify, il servizio di musica peer-to-peer multi piattaforma che nel corso di questo 2013 ha visto il suo debutto anche nel nostro Paese e da allora ha riscosso un enorme successo, ha ricevuto un nuovo aggiornamento con alcune novità.

A seguire trovate il changelog completo in cui sono elencate tutte le migliorie introdotte in questa nuova versione:

  • Novità: Spotify ora parla tailandese, portoghese brasiliano, turco e malese.
  • Problema risolto: molto più stabile su Android 4.3.
  • Problema risolto: consumo ridotto per la tua batteria.
  • Pura fantasia: questa app è perfetta con formaggio e biscotti.
Come potete vedere, anche gli sviluppatori dell’applicazione di Spotify hanno fatto in modo che questa sia funzionante nel migliore dei modi con l’ultima release del sistema operativo mobile di Google.
Se siete già utilizzatori del servizio su Android e quindi avete installato sul vostro dispositivo l’applicazione in questione, potete recarvi sul Play Store per aggiornare, altrimenti potete anche utilizzare il box situato a fine articolo.

SoundHound, l’ottima applicazione rivale di Shazam, la quale ha come obiettivo quello di aiutarci nella ricerca dei titoli dei brani musicali che stiamo ascoltando, ha ricevuto nelle scorse ore un nuovo aggiornamento portandosi così alla versione 5.4.1.

Come principale novità in quest’ultima versione di SoundHound, abbiamo l’introduzione della Mappa Musicale che ci aiuterà a scoprire la musica individuata dagli utenti nelle nostre vicinanze e non.

Tra le altre migliorie elencate nel changelog pubblicato sul Play Store di Google, troviamo che è stato ancora una volta migliorato il supporto ai tablet ed introdotta una nuova serie di Trend per consultare le canzoni che scaleranno le classifiche.

Per finire, l’applicazione è stata resa ancora più veloce nella ricerca della musica e sono stati risolti anche alcuni problemi di bug che affliggevano la precedente release.

Per aggiornare o per installare SoundHound sul vostro dispositivo Android, potete sfruttare i link presenti a fine articolo.

Vi ricordiamo che l’applicazione è disponibile sia in versione gratuita con la presenza al suo interno di qualche banner pubblicitario, e sia in versione Pro a pagamento al prezzo di 4,99 euro.

Quanti siamo

12,753FansLike
18,730Subscribers+1
0FollowersFollow
6,202FollowersFollow
1,490SubscribersSubscribe